Morte di Ceice e Alcione

[Nuvola apps bookcase.svg](/wiki/File:Nuvola_apps_bookcase.svg) Questo testo fa parte della raccolta [Le odi di Anacreonte e di Saffo](/wiki/Le_odi_di_Anacreonte_e_di_Saffo)

[p. [142](/wiki/Pagina:Le_odi_di_Anacreonte_e_di_Saffo.djvu/154)]

MORTE DI CEICE E ALCIONE

Dall’Antologia.

Vedi que’ bianchi augelli
Giammai divisi al vol?
Sposi già furon quelli
4Che non divise il duol.

Odi dal mare, o Bice,
La tenera Alcion?
Chiama lo sposo e dice:
8Sempre a te fida io son.

Le mal sicure vele
Sciolse Ceice un dì,
Ed Alcion fedele
12Lui col sospir seguì.

In sulla smorta faccia
Freddo il sospir tornò,
E la feral minaccia
16Del mar v’effigiò.

[p. [143](/wiki/Pagina:Le_odi_di_Anacreonte_e_di_Saffo.djvu/155)]

Ahi che su quella sponda
Lo sposo estinto un dì
Vide... lanciossi... e l’onda
20In morte ancor gli unì!

Ma poichè l’onde avare
Son sempre, e il mar crudel,
Giove gli tolse al mare
24E gli commise al ciel.

Bice, dal flutto infido
S’io non ritorno a te,
Non t’accostare al lido,
28Nè chiedermi perchè.

Nè al mio destino avvinta,
Nè sotto un altro vel,
Meco ti bramo estinta,
32O il mar nè accolga o il ciel.

Italian